mercoledì 21 aprile 2010

Panbrioche alla mia maniera.

Esempio di ricetta "retroversa".
Si legge dalla fine al principio. Bisogna ricordarsi di come è fatta per ottenere quel risultato. :D
Cerchiamo di fare ordine: volevo fare la pizza, poi erano tutti fuori a cena.
Allora ho messo l'impasto ( non era ancora raddoppiato di volume), coperto da una pellicola, in frigorifero.
Il giorno dopo la pellicola mostrava preoccupanti segni di tensione, quindi di quel blob si doveva pur fare qualcosa.
Il panbrioche! Con lo sprezzo del pericolo tipico dei neofiti ho aggiunto latte, uova, zucchero, burro e farina.
Poi, con la disinvoltura di una parrucchiera giamaicana, volevo fare le treccine.
A due capi? Bazzecole. A tre? Troppo facile. A sei, tanto sono capace.
Dopo aver intrecciato e disfatto per mezz'ora ho lasciato così com'era perchè il blob lievitava e io non potevo continuare a intrecciare e sciogliere.
Quindi l'intreccio non lo spiego perchè non lo so.
Il resto sì. Più o meno. :D

Sono partita da:
500 g farina
12 gr di lievito di birra
10 gr di sale
latte 100/150 g. (ho messo acqua nel primo impasto, ma meglio usare latte).
La pasta la faccio a mano quindi non ho le misure di forza di impastamento e di pale del Ken.
Deve diventare una bella pallozza elastica.
Ho fatto lievitare, quindi ho messo in frigo.
Il giorno dopo ho aggiunto:
2 uova
100 g di burro fuso
100 g di zucchero
circa 500 g di farina e tanto latte quanto basta per avere un impasto sodo ed elastico ( circa un bicchiere).
Ho fatto lievitare al caldo finchè è raddoppiato di volume.
Poi ho abbassato la pasta senza impastare di nuovo e ne ho ricavato sei filoncini.
Dell'intreccio non dico nulla. :D
 
Ho spennellato con l'uovo leggermente battuto.
Fatto lievitare di nuovo e infornato, in forno statico, a 170 gradi con un piatto colmo d'acqua sotto per circa 35/40 minuti.
Incredibilmente profumato.
E anche buono.
Pure il giorno dopo!!!
Osservazione: la rilievitazione, dopo aver formato le trecce, doveva andare avanti ancora un po', l'alveolatura doveva essere un po' più ampia.

4 commenti:

  1. troppo buono questo panbrioche!!!!E anche l'intreccio, nonostante tutto, è venuto spettacolare!!!!

    RispondiElimina
  2. che meraviglioso questo pan brioche :-))) morbido e profumato sicuramente!

    RispondiElimina
  3. Io il pan brioche lo adoro soprattutto al mattino spalmato di nutella,ha davvero un bello aspetto,bravissima!

    RispondiElimina
  4. Che bella!!! Altro che parrucchiere jamaicane!! :D:D:D

    RispondiElimina