mercoledì 26 maggio 2010

Il pane con l'uva.

Photobucket scrive:

"E' uno di quei giorni che ti prende la malinconia..."
Essì, ci sono quei giorni lì. Semplicemente storti.
Cerchi di parlarne con un'amica e scopri che sta peggio di te.
Potresti risollevarti l'umore con uno shopping assolutamente futile.
Ma l'idea di vestirsi, prendere l'auto, il parcheggio... uffa...
Poi magari è un giorno che si senti una palla e rischi di demoralizzarti nel vedere che la solita taglia di pantaloni ti sta stretta. Troppo rischioso.
Allora si può impastare: costa meno dello shopping e il movimento, come un matra, impiega le braccia e svuota il cervello.
Un po' di musica allegra aiuta.
Cosa impastiamo?
Non so voi, ma a me piace il pane con l'uvetta.
Ma proprio pane-pane, non un dolcetto.
Il pane dell'autunno, il pane che mi piace più di una brioche perché non è dolciastro.
Il dolce è improvviso e totale quando sul palato si rompe l'acino e contrasta con l'accoglienza saporita della mollica del pane e la fragranza della crosta.
E' profumato, il pane con l'uva. E' semplice. Non richiede grandi pensieri, è consolatorio.


pane uva


La ricetta è di una semplicità imbarazzante. Sennò che consolazione é?
Ingredienti:
500 g di farina 00
20 g di lievito di birra fresco
70 g di zucchero
200 g di uvetta sultanina
50 g di strutto ( o olio a piacere)
sale q.b.
zeste di limone
acqua

Si scioglie il lievito di birra in mezzo bicchiere d'acqua a temperatura ambiente con un cucchiaio di zucchero e si lascia finchè si vede che si sta attivando.
In una ciotola si mette la farina a fontana, il resto dello zucchero, lo strutto sciolto e si comincia ad impastare, quindi si aggiunge il lievito e, poco per volta, l'acqua.
Va meglio l'umore?
Si lavora bene ed è ora di aggiungere un cucchiaino di sale. Dopo poco anche le zeste ricavate da un limone non trattato che daranno un piacevolissimo profumo al pane.
L'impasto deve risultare morbido, cedevole, lavorabile, ma idratato.
Elastico.
Mettiamolo in una ciotola e lasciamolo lievitare al caldo, coperto da una pellicola o da un canovaccio.
Intanto facciamo rinvenire l'uvetta nel liquido che preferite: acqua, liquore, vino...
Quando il pane è ben lievitato lo versiamo senza impastarlo su una spianatoia e ne ricaviamo una specie di rettangolo su cui versiamo l'uvetta livellandola.
Avvolgiamo a spirale lenta e premiamo un poco in modo da avere una specie di cilindro schiacciato.
Lo adagiamo nella teglia e pratichiamo un taglio al centro, spolveriamo appena di farina.
Lasciamo lievitare il pane al caldo, quando è ben lievitato lo mettiamo in forno a 200 gradi ( consiglio statico con una ciotola d'acqua sul fondo) finchè è ben cotto, croccante e dorato.
Se si mangia tiepido l'effetto rasserenante è assicurato. :D

Con questa ricetta partecipiamo al contest di Giulia

16 commenti:

  1. Una consolazione con i fiocchi...o meglio, con le uvette!!!Questo pane deve avere il profumo della liberazione da ogni pensiero: un profumo davvero irresistibile!

    RispondiElimina
  2. io ci aggiungerei la cannella e poi x me è perfetto.
    ma quanto l'hai fatto lievitare?

    RispondiElimina
  3. Bello questo pane! Veramente è per sentirsi bene e felice!:))
    Un bacione!

    RispondiElimina
  4. che spettacolo! chissà come mai noi che amiamo la cucina quando siamo giù cuciniamo e impastiamo... deliziosi i tuoi panini!

    RispondiElimina
  5. E' il primo tipo di pane che abbiamo provato a fare...fantastico!!
    un bacione

    RispondiElimina
  6. Il Pane lo conosco: è buonissimo, di sicuro ti avrà consolato.
    MA spero che la musica allegra non fosse quella citata nelle prime righe, EH?!??!?!!??!

    RispondiElimina
  7. Sono d'accordo, il pane con l'uvetta è una carezza :-)

    RispondiElimina
  8. il doit sentir très bon ce pain en tous les cas il est magnifique et très bien réussi
    bravo et bonne journée

    RispondiElimina
  9. Grazie a tutte!
    Il tempo di lievitazione non è sempre uguale, dipende dal calore e dall'umidità ambientale.
    Quella volta ha lievitato forse un paio di ore la prima lievitazione e un po' meno la seconda.

    RispondiElimina
  10. Adoro i dolci con l'uvetta, per colazione, certo, ma anche per spuntino, merenda, dopo cena... Insomma, ogni momento è buono!!
    Bravissima :)

    RispondiElimina
  11. Grazie Neera, grazie per questa ricetta per la felicità, credo proprio che funzioni!! :D

    RispondiElimina
  12. va bene lo stesso se non metto lo strutto? bellissimo il tuo blog e deliziose le tue ricette! ;-)

    RispondiElimina
  13. W il pane all'uva!Me lo prendeva sempre il mio nonnino prima di portarmi a scuola,che ricordi!Anch io partecipo al concorso ricette della felicità con dei dolcetti al caramello e vaniglia, in bocca al lupo!!!
    Passa nel mio blog quando vuoi,io sono specializzata nelle ricette salate (specialmente antipasti)!!
    =)

    RispondiElimina
  14. Il pane con il suo profumo e fragranza ti fa dimenticare ogni inquietudine. Con l'uvetta, poi, deve essere una vera delizia. Complimenti

    RispondiElimina
  15. Stiamo facendo colazione con questo buonissimo pane preparato ieri insieme a mia figlia di 5 anni. É davvero eccezionale! Complimenti!

    RispondiElimina