mercoledì 17 agosto 2011

Fontainebleux con composta di susine alla vaniglia.



Mi affascinavano sia  il nome del dolce che la sua semplicità.
Se vi piace il sapore della panna questo è il dolce che fa per voi.
Metti una sera a cena, metti che hai ospiti, metti che hai  poca voglia di stare in cucina e che ti manca il dessert.
Et le voilà! ecco a voi un dessert  facile e fresco.
Io l'ho servito freddo ed era una vera delizia, un giusto contrasto con il caldo afoso di questi giorni.


Photobucket



Fontainebleaux con composta di susine alla vaniglia

Per il fontainebleaux:
200 ml di panna fresca
300 gr di mascarpone
50 gr di zucchero a velo

Per la composta:
una ventina di susine
2 cucchiai di zucchero
1/2 bacca di vaniglia

In una ciotola montate la panna, aggiungete lo zucchero a velo continuando a montare e infine incorporate un po' alla volta il mascarpone.
Suddividete il composto in 4 tovagliolini di tela leggera che poi metterete in 4 piccoli cestini di vimini (potete usare anche quelli delle ricottine opportunamente bucati sul fondo) e lasciatelo asciugare per una notte (o almeno 10 ore). Sul fondo troverete qualche goccia di siero.

Tagliate a piccoli pezzi le susine e mettetele a macerare in una ciotola con lo zucchero per almeno 3 ore. Mettetele poi sul fuoco con la bacca di vaniglia e fate addensare a fuoco dolce per 10 minuti. Fate freddare possibilmente in frigo.

Componete il dolce mettendo sul fondo del piatto il fontainebleux e sopra qualche cucchiaiata di composta di susine.
E' bello servito anche in un vasetto di vetro dello yogurt.





15 commenti:

  1. ecco, forse anche una vacanza in una spa andrebbe bene, no? ;-P
    stavo pensando proprio oggi che appena rimetto in piedi la cucina (ancora non so chi mi darà la forza di spostere un mobile di questa per rimetterlo a posto) vorrei fare qualcosa con prugne/susine... :)

    RispondiElimina
  2. Ommacchebellaaaa...parli di Fontainebleux e mi viene in mente il mio primo viaggio in Francia da sola...non conoscevo questo piccolo dessert e servito con la composta di susine sono convinta che strappa un gemito ai tuoi ospiti! Très bon! Bacio, Pat

    RispondiElimina
  3. ehilà ragazza,che bello risentirti!!e con una ricettina così..di cui mi piace tutto: il nome,il metodo(non vedo l'ora di provare!),gli ingredienti...insomma diventerà con ogi probabilità un must...molto...sciuè sciuè,come dice qualcuno.domandina veloce:la tela leggera devessere a trama un pò larghina tipo garza? grazie un abbraccio,Marika

    RispondiElimina
  4. Mi sono appena iscritta..bel blog..anche io qualche giorno fa ho postato la ricetta dela confettura di susine e vaniglia..buonissima..col tuo dessert ancora di più..se ti va vieni a registrarti da me ti aspetto..

    RispondiElimina
  5. non conoscevo questo dessert ma da adesso sarà il mio fine cena quando il tempo sarà poco e la voglia di dolce...tanta! un bacione grosso!

    RispondiElimina
  6. ça c'est un dessert à tomber par terre ! et se rouler !!!!
    Un régal !

    RispondiElimina
  7. Uhmmm... delizioso. La combinazione mascarpone / panna è squisita.

    RispondiElimina
  8. @ Rossella: la vacanza in spa mi pare perfetta :D
    @ Patty: è un piccolo dessert davvero d'effetto. Te lo consiglio anche con le fragole o con il mango.
    @ Marika: bentornata! Ci vorrebbe della mussola di cotone ma io uso le garze sterili messe doppie (così poi le butto).
    @ Pippi: grazie della visita
    @ Chiara: :*
    @ Agnes: merci ma chère, bisous
    @ Ilaria: grazie cara

    RispondiElimina
  9. Mi è gia venuta una voglia irrefrenabile di provare tra l'altro ho tutto in casa ..a parte le garze ma provvedo subito..ma se sono pigra e voglio usare un pò di marmellata casalinga,metti di amarene, l'accostamento ci stà? besos

    RispondiElimina
  10. un beau dessert comme je les aime ça ne peut être que délicieux bravo
    bonne soirée

    RispondiElimina
  11. ciao Carlotta,setavo provando ad aprire il post sui pomodori datterini canditi al timo... ma blogger mi dice che la pagina non esiste,e mi rimanda alla home page,è normale? sono curiosa dai!

    RispondiElimina
  12. questo me lo segno per dany!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  13. @ Valentina: la marmellata di amarene ci sta benissimo. Magari metti meno zucchero nella panna.
    @ Fimère e pomme canneles: merci
    @ Francesca: più che segnare, dovresti fare :)))

    RispondiElimina
  14. Questa ricetta è davvero interessante: è rapida, fresca e si presenta bene. Certo non è poco calorica, ma sono pronta comunque a correre il rischio di assaggiarne uno o due bicchieri (stracolmi!).

    Anche io trovo il nome davvero chiccoso... un ottimo biglietto da visita per questa coppa. Bravissima e posta presto nuove ricette, please :)

    A presto
    Mari

    RispondiElimina