martedì 30 agosto 2011

Piccole polpettine di fasolari

I fasolari sono molluschi molto comuni qui nell'alto Adriatico.
Non li amo moltissimo ma sono belli da vedere e da fotografare.


Photobucket


Il mercato del pesce di Chioggia è molto pittoresco e vale la pena di farci un salto.
Anche Chioggia è una bella cittadina, costruita sull'acqua con una pianta a forma di  lisca di pesce e, al pari di Venezia, soggetta alle alte maree che invadono le calli e il corso.
Fino al 1400 Chioggia era una ricca città della laguna, forse più di Venezia. 
Le sue saline producevano l"oro bianco" che era commercializzato in tutta l'Italia; era sede vescovile ed  un suo tribuno partecipava alla confederazione delle 12 isole della laguna, primo nucleo di quello che poi sarebbe diventata la Repubblica Serenissima.
Tutto questo preambolo per raccontarvi della guerra di Chioggia, a modo mio chiaramente.:D
Era più o meno il 1372 quando Genova e Venezia,ospiti di Pietro II a Famagosta, dimenticarono le buone maniere e cominciarono a litigare prima tirandosi addosso il cibo e poi accoltellandosi.
Quando i rappresentanti delle 2 città rientrarono in patria e raccontarono l'accaduto, entrambi i dogi si infuriarono ( anche Genova aveva un doge)  e diedero l'ordine di costruire il maggior numero di navi possibili e di armare le città per vendicare l'onta.
Venezia chiese a Chioggia di partecipare alla guerra ma Chioggia nicchiava perchè doveva già tenere a bada quegli invidiosi di padovani che volevano occupare le sue saline. 
Anzi, a dirla tutta, quei contadini circa 100 anni prima avevano tentato di costruirsi delle saline autarchiche infischiandosene dei trattati firmati.
Chioggia però aveva inventato i marines antelitteram (^_^) e aveva sistemato velocemente la questione distruggendo le fortificazioni nemiche.
La città marinara infatti, dovendosi continuamente difendere, aveva un esercito agguerrito, ben armato e sempre pronto.
La flotta, capitanata dall'ammiraglio Carlo Zeno stava rientrando a vele spiegate dall'Oriente, insistettero i veneziani e, en attendant Zeno, Chioggia, guidata dal suo podestà Pietro Emo,  partecipò alla guerra. 
Zeno che evidentemente non aveva  nessuna voglia di stropicciarsi gli abiti di velluto, arrivò con molta calma solo 5 mesi dopo.
Troppo tardi: i padovani, con l'aiuto del re d'Ungheria avevano assediato la città da nord e Genova l'aveva attaccata dal mare con 47 galee. Chioggia fu distrutta e quasi tutti i suoi abitanti furono uccisi. 
Solo 10 mesi dopo dopo Venezia  libererà la città che però non si riprenderà più.



Photobucket


Piccole polpettine di fasolari
per circa 20 polpettine

100 gr di fasolari (solo la polpa già pulita)
1 fetta di pane semi integrale ammollata in un po' di latte
2 cucchiai di parmigiano
1 albume 
un trito di prezzemolo e aglio
sale e pepe


farina di mais fioretto
olio per friggere


Mettete tutti gli ingredienti nel mixer, frullate gli ingredienti, aggiustate di sale e pepe e, con le mani bagnate, ricavate delle piccole polpettine che passerete nella farina e friggerete nell'olio.
Sono buone calde o tiepide.



Questo racconto storico lo dovevo a Serena che aspettava gli sviluppi della storia da ben prima che si spargesse la voce di un accappatoio color lampone :-))





19 commenti:

  1. La ricetta è una vera chiccheria! Deliziosa anche la presentazione! Sei bravissima! A presto!

    RispondiElimina
  2. e' proprio una bella idea!!!
    brava!!!
    scopiazzo subito!!

    RispondiElimina
  3. Se non fossi vegetariana un pensiero ce lo farei... Pero' l'accappatoio lampone mi incuriosisce, neeee?

    RispondiElimina
  4. Veramente carine queste tue polpettine, sicuramente gustosissime!

    RispondiElimina
  5. deliziosa la ricetta e deliziosa Chioggia! Buona giornata cara, un abbraccio...

    RispondiElimina
  6. buoneee!!! sono una fan sfegatata delle polpettine e queste devono essere deliziose!!! ;)

    RispondiElimina
  7. ne arrafferei subito una!!!molto interessante e ...'competente' il tu post 'storico-mangereccio'...Ora una confessionei fasolari non li ho mai comprati,non sapevo come farli...ora sì.Saluti
    Marika

    RispondiElimina
  8. ma sa che sono veneta ma non ne sapevo nulla!

    RispondiElimina
  9. @grazie ragassole.
    @ cooksappe: devi rimediare
    @ Valentina: non è mai troppo tardi :D

    RispondiElimina
  10. CARLotta,a proposito del mio post e di tutto quanto ha sollevato,spero di non averti offesa usando il termine rifilare e tutto il resto...era tutto volutamente ironico:( scusa se posso aver dato un'impressione sbagliata.un bacio grande e scusami ancora.Francesca

    RispondiElimina
  11. je regrette que l'on ne trouve que très peu de palourdes ici...j'adore et je suis sûre qu'à l'apéro ça doit être délicieux !

    RispondiElimina
  12. piacere di conoscerti,belle e buone le tue polpettine.

    RispondiElimina
  13. Bellissima la storia di Chiggia, non la conoscevo,eppure vado spesso a comprarci il pesce.
    Spero che questa non sia l'ultima e continuerai a saziare la nostra fame di conoscenza oltre che quella dello stomaco.
    Davvero brava.

    RispondiElimina
  14. Un finger food very very chic!

    RispondiElimina
  15. ça a l'air délicieux et joliment présenté
    bonne journée

    RispondiElimina