martedì 9 agosto 2011

Sablé con crema frangipane e lamponi

La stradina che dalla via principale si allungava nel bosco verso la colonia estiva, era fiancheggiata da arbusti di lamponi selvatici che piluccavamo golosamente durante le nostre passeggiate.
Raccoglievamo quei piccoli frutti leggermente asprigni per farne delle deliziose crostate e delle marmellate per l'inverno.
Ricordi che si perdono nel tempo, come le persone care che ci hanno lasciato.
Adesso i bordi della stradina sono stati ripuliti, l'erba viene regolarmente tagliata e i rovi sono stati estirpati. Tutto è molto più ordinato, a suo modo asettico, studiato per essere un  ambiente finto "nature".
Ho dovuto arrampicarmi un po' per trovare quei pochi lamponi rimasti mettendoli, come una volta, in un pentolino.
Da quei pochi frutti è nato questo dolce della nostalgia.




Photobucket




Sablé con crema frangipane e lamponi

Per la pasta sablé:
100 gr di farina di mandorle
150 gr di farina 00
150 gr di burro
100 gr di zucchero a velo
2 tuorli
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
un pizzico di sale

Per il ripieno:
100 gr di mandorle in polvere
100 gr di burro
1 uovo e 1 tuorlo
50 gr di zucchero semolato
la buccia grattata di un limone


100 gr  circa di lamponi

Preparate la pasta unendo alle farine, mischiate fra di loro, lo zucchero a velo,  il burro tagliato a pezzetti e il sale. Al composto sbriciolato, aggiungete i 2 tuorli d'uovo e l'estratto di vaniglia, impastando bene. Avvolgete il composto nella pellicola e fatela riposare in frigo per rassodare.

Preparate il ripieno lavorando a crema il burro morbido, aggiungete lo zucchero,  le mandorle in polvere, l'uovo e il tuorlo, incorporandoli uno alla volta e la buccia di limone.

Stendete la pasta nella teglia, copritela con carta forno, distribuite sopra i fagioli,  cuocetela in bianco a 180° per 15 minuti e lasciatela intiepidire. Potete prepararla anche il giorno prima se volete.

Versate il ripieno nel guscio di pasta, distribuite sopra i lamponi e cuocete in forno a 180° per circa 20'.
Spolverate con zucchero a velo prima di servire



Photobucket


Con questo post partecipo al contest di Io... così come sono 

Contest a  premi!


15 commenti:

  1. Ciao Carlotta, questa torta è una delizia soffice.
    Ammetto che non conoscevo la crema frangipane. Devo provarla assolutamente.

    RispondiElimina
  2. purtroppo dalle mie parti non si conoscono i lamponi ... nel senso che oltre le more non troviamo altro; ma domani provo in vivaio se trovo qualche piantina per il mio orto.
    grazie della ricetta, sembra una delizia e che belle parole!! piacere di averti conosciuta!

    RispondiElimina
  3. pochi lamponi, ma una torta fantastica!

    RispondiElimina
  4. Posso avere un pezzetto piccolo pure io!!!!!Piacere di conoscerti e complimenrti!!!!!Questo dolce e' un trionfo di sapori e odori!!!!Buona vita e buona cucina!!!!

    RispondiElimina
  5. cela me semble délicieux j'ai aimé ta cuillère elle est jolie
    bonne soirée

    RispondiElimina
  6. Allora mi combini un dolce malinconico adesso? Mi dovete essere ricche di futuro, invece :), ma la cucina non ha tempo e la tua torta è deliziosa e che ci possiamo fare se di pochi frutti ne viene una grande torta, tanti ricordi e se io ancora mi aspetto che i bordi dei sentieri siano ricchi di lamponi e ricchi di sterpaglie? E aiuterebbe non poco una pista di sassolini bianchi sul sentiero (tanto per credere che la strada percorsa sia quella giusta!)

    RispondiElimina
  7. splendide foto per un dolce che mi ha colpito al cuore e allo...stomaco! me lo segno, troppo goloso! Un abbraccio cara, buona giornata...

    RispondiElimina
  8. deliziosa! e che belle foto!!!

    RispondiElimina
  9. Basta che senta pronunciare "frangipane" ed entro in fibrillazione. Sposata con i lamponi poi, mi fa sognare di atmosfere francesi di grande raffinatezza ed eleganza. Ed effettivamente si presenta così, bellissima ed elegante nella sua semplicità. Mi archivio la ricetta, la voglio proprio fare. Bravissima, Pat

    RispondiElimina
  10. @Ilaria: provala, è buona
    @simo e..: maddai! spero che tu riesca a trovarli. Il tuo orto è in montagna e dunque dovrebbero attecchire senza problemi.
    @ pommes cannelles: merci ma chère
    @ elena: si era davvero buona
    @ Graal77: seeeee, secondo te ne è rimasta??? :)))
    @ Fimère: merci, bonne soiree a toi
    @ chatapoche:la strada è quella giusta, vai tranquilla!
    @ Chiara: grazie, sei sempre gentile.
    @ Valentina: grazie cara
    @ Patty: grazie per i complimenti e per la visita.

    RispondiElimina
  11. Nulla è più come ai tempi della ns infanzia...i bimbi di oggi hanno perso una ricchezza inestimabile...bellissimo questo tuo dolce, mi annoto la ricetta, grazie di tutto e un bacio grosso...

    RispondiElimina
  12. superbe tarte ! j'aimerais y goûter...belle nuit

    RispondiElimina
  13. complimenti per il tuo blog, e questa ricetta è da segnare mi piace il tuo stile. apresto mony

    RispondiElimina