venerdì 9 novembre 2012

A San Martino, oca, castagne e vino




Mettetevi comode/i, oggi  lectio magistralis ( devo ben sfruttare la mia laurea in fancazzismo del web, peraltro universalmente riconosciuta, o no?!? :D) sulle tradizioni contadine del Veneto.
Per quanto... ripensandoci un pochino... bisognerebbe anche fare un distinguo anche sulla territorialità veneta.
Vabbè dai, rinviamo al prossimo trimestre.
Pronte/i? Via!
San Martino, nella tradizione contadina, segnava e segna la conclusione dei contratti agrari, il pagamento delle tasse e degli affitti. Era il riconoscimento ufficiale che la terra,  i suoi frutti e i gli animali tornavano di proprietà del concedente.
Chi conosce un po’ di diritto sa di che cosa parlo.
Ordunque, per queste ragioni, l’11 novembre  non era considerato un giorno fausto  considerando anche il fatto che  i proprietari terrieri potevano decidere di non rinnovare il contratto e  i mezzadri dovevano necessariamente trovarsi un’altra sistemazione.
E’ per questo motivo che il detto popolare “far S.Martino” è sinonimo di cambiare casa o traslocare.
L’11 novembre è considerato un giorno endegàro, ovvero un indicatore del tempo, perché  da questo giorno si traevano le previsioni per l’autunno:
Se xe vento el dì de San Martin, tuto el mese xe vento de garbin”  che stava a significare un tempo nebbioso.
Per la tavola invece, i detti popolari ricordavano:
“A San Martin, el mosto deventa vin”
“Chi no magna oca a San Martin no vede el becco de un quattrin"
“San Martin, oca, castagne e vin”
Ispirandomi a questi detti, ho preparato il menù di stagione.

Antipasto di ovoli, ricotta salata e prosciutto crudo



Essendo una preparazione semplicissima, vi dirò solo che gli ingredienti erano eccellenti:  i funghi provenivano dalla zona di Anghiari, la ricotta salata bio da Norcia e il prosciutto crudo Dorth 1931 da Aviano. E' un prosciutto poco conosciuto, a basso contenuto di sale, prodotto artigianalmente con molta cura da un giovane e consapevole macellaio, Luigi, che porta avanti la tradizione familiare. Nel lungo periodo che ho trascorso in quel paese, senza cucinare, ricordo con piacere le chiacchierate di cibo e cucina fatte con lui.


Petto di pollo farcito con porcini e tartufo.



Ingredienti x 4 p:

2 petti di pollo
150 gr di porcini a pezzetti già cotti
1 piccolo tartufo
1/2 bicchiere di vino bianco
sale
pepe di Sechuan
olio evo
aglio, salvia e rosmarino

Pulire bene i petti di pollo, dividerli a metà, salarli e peparli.
Farcire le 2 metà con i porcini a pezzetti e lamelle di tartufo.
Chiudere con le altre 2 metà mettendole al contrario, testa coda per capirci, e legarle con dello spago da cucina.
Mettere un po' d'olio evo in un tegame con aglio, rosmarino e salvia.
Far sigillare la carne, sfumare con vino bianco, salare e pepare.
Portare a cottura.




A noi l'oca non piace. Ho usato il pollo ma l'ho fotografato sul gioco dell'oca sperando che valga lo stesso. Se non arrivano quattrini pazienza, tanto ormai ci siamo abituati :))


Brownies ai marroni




Ingredienti:

250 gr marroni lessi puliti
50 gr farina 00
150 gr di burro morbido
150 gr cioccolato fondente
100 gr zucchero
3 uova
2 cucchiaini da caffè rasi di lievito
i semi di mezza bacca di vaniglia




Preriscaldare il forno a 180°.
In una ciotola, montare il burro morbido con lo zucchero  e aggiungere le uova uno alla volta.
Far fondere il cioccolato e unirlo al composto.
Tritare i marroni nel mixer, metterli in una ciotola e aggiungere la farina il lievito e i semi di vaniglia.
Unire insieme i 2 composti e versarli in una teglia (la mia era 22 x 28 cm)ricoperta sul fondo con carta forno e cuocere per circa 30 minuti.
Negli ultimi 10 minuti ho coperto la teglia con alluminio.
Lasciate raffreddare e tagliate a cubetti.














13 commenti:

  1. Tre piatti fantastici, ma il petto di pollo mi ha particolarmente colpita.

    RispondiElimina
  2. la laurea in fancazzismo mi ha fatto morire dal ridere !!!sei troppo simpatica e anche brava in cucina quindi da oggi ti seguo con piacere se ti va passa da me....buon we...

    RispondiElimina
  3. tutto qui mi piace ma il dolce.... quello lo vorrei assaggiare subito !

    RispondiElimina
  4. Tutto molto invitante e delizioso! Buon fine settimana

    RispondiElimina
  5. A me invece l'oca mi piace un sacco. Non so l'11 in generale ma questo è senz'altro infausto per ME. L'ha detto l'oroscopo e c'aveva ragione. Ma magari domani avrò una sorpesa (?). Stanotte ti ho sognata. Anche se non saprei dire come e perchè.
    un besos

    RispondiElimina
  6. mi piace tutto il menù, a dispetto della dieta averei mangiato dal primo all'ultimo! Buona domenica di S. Martino!

    RispondiElimina
  7. Ciao Carlotta!!!
    Grazie che sei passata da me ..io mi unisco anche ai tuoi lettori dato che sono arrivata fin qui!!!
    Mi piace il tuo blog...e scusa la tua descrizione?..AH!AH!AH!AH!...davvero divertente come ti definisci!!!!
    Buono tutto il menu..i miei preferiti i brownies ai marroni!!!!ù
    A PRESTO! Roberta ;-)

    RispondiElimina
  8. Ma sai che io queste cose su San Martino non le sapevo? Sapevo solo dell'estate di San Martino, cioè che in questi giorni dovrebbe fare bel tempo e invece sta diluviando e c'è un cielo di un colore pauroso... io l'oca non ce l'avevo, ma ieri ho mangiato il pollo, sempre volatili sono, che dici? :-)

    RispondiElimina
  9. Non essendo veneta, non conoscevo queste tradizioni!
    Ma quante cose buone!!! :)
    Un bacione!

    RispondiElimina
  10. Brownies che meraviglia mi piacerebbe provare questa versione! Wow poi con tutti quegli ingredienti eccellenti ci credo che il menù era eccezionale, brava sempre efficiente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La domanda è... (forse te l avevo già fatta in passato) ma questi links qui sotto, cosa sono? non credi disturbino un po' il tuo post? Sarà che io sono una puritana e se vengo per leggere il tuo voglio leggere il tuo e basta ;) ma ce li metti tu? chi è la casa di Betty? buona giornata

      Elimina
  11. Ciaoo sono un po in ritardo...il brownies ai marroni mi ispira un sacco, purtroppo adesso non ci sono piu ..ma pensi che se li sostituisco alla crema e diminuisco lo zucchero li imbastardisco troppo?!un bacio

    PS:hai ragione mai dire l'ingrediente principale se gli uomini nn se ne rendono conto se no....è finita!

    RispondiElimina